Il profugo

 

Ha piedi sospesi sul passato
il cielo ormai straniero sulla testa
lontani ricordi sfuocati dal tempo
risuona il tocco delle campane
della sua terra dimenticata
nella opaca frenesia moderna
il profugo ha brandelli di vita
sospesi tra vuoto e passato
la sua terra è ormai straniera
come straniere le sue memorie
dei giorni assieme ai suoi avi
che l’inondavano d’affezione
donandogli loro antiche memorie
di stretti vicoli o del mare storie
il profugo torna a casa nei sogni
nelle notti agitate e oscurate
da tanti ricordi accartocciati
come vecchi giornali ingialliti.

Per il profugo da se stesso
la fuga non è mai finita…

elule

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.