I castelli: fortezze disarmate

Il castello sulla testa
severo guardiano di pietra
s’agghindava di soffuse luci
proiettate sulle severe mura
mute testimoni di battaglie
contro turchi e saraceni
suggeriva alla giovane mente
sofisticati eleganti balli a corte
tavolate imbandite d’ogni bene
cantori e musicanti raffinati
ricchezze ostentate a spregio
dei miserabili e sventurati
nati in un tugurio di paglia
e sterco compressa in mattoni
a mo’ di muro e protezione
dai tremendi geli dell’inverno
sulla testa cappelli d’intrecciata
paglia e rabbia d’una miseria
decisa da Giove o chi altro.
I castelli: fortezze disarmate.

doria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.